Sei in:  Home , Enogastronomia , Prodotti tipici , Colli d'Imola Cabernet Sauvignon D.O.C.

Sito ufficiale di Informazione Turistica dell'Area Imolese

Colli d'Imola Cabernet Sauvignon D.O.C.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La denominazione Cabernet Sauvignon è riservata a vini provenienti dall'omonimo vitigno per almeno 85%.

Il restante 15% è costituito da uve a bacca rossa provenienti da vitigni autorizzati e raccomandati per la Provincia di Bologna.

Il Cabernet Sauvignon ha aspetto limpido, colore rosso rubino che acquista riflessi granati con l’invecchiamento, odore vinoso con nette caratteristiche varietali, sapore pieno, asciutto, armonico.

Il titolo alcolometrico minimo è 11,50%, si degusta a 18°C.

Il Cabernet Sauvignon è disponibile nella versione Riserva.

La menzione "Riserva" è attribuita al vino invecchiato, anche in recipienti di legno, per un periodo non inferiore ai 18 mesi a decorrere dal 1° novembre dell’anno di vendemmia.

 

Riferimenti Normativi: I vini a Denominazione di Origine Controllata Colli d’Imola sono stati riconosciuti con Decreto del 1° luglio 1997.

 

Tecniche di coltivazione: Sono idonei i suoli con buona esposizione, a medio impasto -argillosi, in genere calcarei.

È concessa l'irrigazione come pratica di soccorso, per non più di due volte all'anno, non oltre l'invaiatura.

La produzione massima di uva per ettaro è di 9 t, con una resa massima in vino non superiore al 70%.

Il numero minimo di ceppi per ettaro è 3.330 (per i nuovi impianti).

 

Zona di produzione: Comprende i territori a vocazione viticola ricadenti nei comuni di Fontanelice, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Imola, Dozza, Castel San Pietro Terme e Ozzano dell’Emilia. Per i comuni di Imola, Dozza, Castel San Pietro Terme e Ozzano dell’Emilia, il limite a valle è delimitato dalla strada statale n.9 Emilia.

 

Abbinamenti: Adatto ai piatti di cacciagione e selvaggina dei boschi dell’alta valle del Santerno.

 

Cenni Storici e Geografici: Vitigno di origine francese, il Cabernet fu importato per la prima volta nella provincia di Bologna dal Senatore Pasolini Dall’Onda che lo introdusse ad Imola attorno alla metà dell’800.

In zona, le prime coltivazioni si trovavano nei poderi del Conte Pasolini e del Sig. Baldrati ad Imola e del Sig. Gurrieri a Dozza.

 

Consorzio di Tutela:

Ente Tutela Vini di Romagna 
C.so Garibaldi, 2 - 48018 Faenza (Ra) 
Tel. +39 0546 28455 - Fax +39 0546 665063 
entevini@mbox.queen.it

 

Comitato D.O.C. Colli d'Imola
via Boccaccio, 27 - 40026 Imola (BO) 
Tel. +39 0542 602400 -  Fax +39 0542 602426
agricoltura@comune.imola.bo.it

Come arrivare nella località
Ultimo aggiornamento: 18-10-2013