Sei in:  Home , Enogastronomia , Prodotti tipici , Migliaccio di Romagna

Sito ufficiale di Informazione Turistica dell'Area Imolese

Migliaccio di Romagna

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Gli ingredienti del migliaccio (Burlèngh, sanguinaccio) sono: sangue di maiale disfatto, latte, saba oppure miele, pangrattato, burro, spezie, cioccolata, canditi misti, fichi secchi, mandorle (a piacere noci, uvetta e pinoli).

 

Riferimenti Normativi: I prodotti tradizionali sono riconosciuti dal D.L. 173/98

 

Tecniche di preparazione: Preparare una pasta frolla e metterla in uno stampo da crostata, quindi mescolare insieme tutti gli ingredienti e mettere a cuocere in forno. Quando è cotta tagliarla a rombi e spolverizzare di zucchero. Il prodotto va consumato entro due giorni dalla preparazione.

 

Zona di produzione: In tutto il territorio della provincia di Bologna.

 

Cenni Storici e Geografici: Il Migliaccio di Romagna viene prodotto in famiglia durante il periodo della macellazione dei suini ad uso familiare (novembre – febbraio).

La sua produzione è ancora oggi legata all’antica tradizione che prevede l’utilizzo di tutti i sottoprodotti della macellazione.

La ricetta del Migliaccio si trova nel libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” di Pellegrino Artusi (nato a Forlimpopoli il 4/8/1820 e morto a Firenze il 30/3/1911), ove l’autore descrive anche il contesto in cui il Migliaccio viene tradizionalmente prodotto.

Il prodotto è altresì citato nel libro “Mangiari di Romagna”, la cui 1^ edizione risale al 1960.

Come arrivare nella località
Ultimo aggiornamento: 18-10-2013